La Biblioteca del Centro

La storia del Fondo bibliotecario del Centro Studi di Roma, che ha la sua sede attualmente in uno dei villini adiacenti la Villa Torlonia lungo la Via Nomentana (il villino fu sede, come si evince ancora oggi dai fregi a bassorilievo, di uno dei Ministeri negli anni Trenta), è storia al tempo stesso semplice e complessa. Il nucleo principale della Collezione libraria (esiste infatti anche un nucleo archivistico) si compone di un patrimonio di circa 8.500 volumi legati a proprietà privata ed è nato dall’amore e dall’interesse bibliofilo di una famiglia romana con particolari legami per la cultura e l’universo storico austriaco e tedesco (in particolare secoli XIX e XX), nonché in anni più recenti italiani e altoatesino.

La parte più articolata e corposa del Fondo Sammlung Bettoni Pojaghi di Roma è indubbiamente quella del patrimonio librario germanistico e insieme di Italianistica e di letteratura francese: un patrimonio che si estende a un arco di “Sezioni” legate alle Letterature Europee (Letteratura Italiana e Letteratura Tedesca, come ricordato Letteratura Francese, Letteratura Nordica, Letteratura Inglese, Letteratura Russa, Letterature dell’Oriente).

A fianco di questo corpus principale di volumi, si affiancano altre parti di minore ampiezza in termini quantitativi, ma ugualmente significative per il valore storico e documentale dei volumi presenti. Queste diverse parti della Biblioteca si possono riassumere in modo sintetico in 5 gruppi: una sezione Storia dell’Arte, alla quale appartengono volumi di critica e insieme numerosi cataloghi di mostre ed esposizioni d’arte realizzate a Roma a cavallo degli ‘anni Settanta e Ottanta’, inoltre una sezione di Storia Europea e Storia dei Fascismi (nello specifico relazioni Italia/Germania), una sezione di Storia delle Religioni, una sezione di Storia della Psicologia e della Pedagogia (quest’ultima con una appendice di volumi dedicati al mondo dell’istruzione), una sezione infine di Dizionari, Guide ed Enciclopedie.

Oltre a queste sezioni della Biblioteca, è presente un nucleo di “Rara” e di volumi di pregio storico-artistico (fattura editoriale, illustrazioni, provenienze dal Fondo secolo XIX , opere più antiche, ecc.).

E’ possibile fissare un appuntamento e una consulenza scientifica, con la referente della Biblioteca del Centro, rivolgendosi alla dott.ssa Mariagrazia Miano al seguente indirizzo di posta:

dott.ssa Mariagrazia Miano      centrostudi.roma@outlook.it

Link dell’ICCU – Anagrafe Nazionale alla Biblioteca del Centro Studi Fondo Sammlung Bettoni Pojaghi

http://anagrafe.iccu.sbn.it/opencms/opencms/ricerche/dettaglio.html?monocampo=Centro%20Studi%20Fondo%20Bettoni%20&regione=&provincia=&comune=&codice_isil=&ricerca_tipo=home&monocampo:tipo=AND&start=0