Storia del Fondo Bettoni Pojaghi

La storia del Fondo bibliotecario del Centro Studi di Roma, sito in uno dei villini prospicienti la Villa Torlonia (sul terreno del’originario Villino Nicolini, appartenuto allo scultore siciliano Giovanni Nicolini) e nella splendida area dell’antica Villa del cardinale Patrizi lungo la Via Nomentana, è storia al tempo stesso semplice e complessa.

Una parte della Collezione libraria (esiste anche un nucleo archivistico) nasce come lascito al prof. Marco Bettoni Pojaghi da parte della sua famiglia: famiglia che per ragioni storiche e artistiche ha, dagli inizi dell’Ottocento, intrecciato il suo percorso a Roma con quello del mondo di lingua austriaca e tedesca. Tale Collezione è stata poi ampliata e raccolta in Fondo privato (la parola tedesca Sammlung = Collezione) negli anni tra 1975 e 2013 dall’odierno presidente del Centro,  Marco Bettoni Pojaghi.

 

wpid-20130207_102056.jpg

Un patrimonio bibliotecario che ha raggiunto progressivamente valore ed è andato concentrandosi intorno al nodo delle relazioni culturali italo-tedesche e della biblioteca scientifica d’arte e letteratura. Al suo interno numerosi volumi rari e anche una serie di pregiate edizioni tedesche dell’Ottocento. L’ambito germanico è coltivato peraltro da tutti i membri familiari Bettoni, prevalentemente a Roma, seguendo varie direttive professionali (oltre alla biblioteca e alla produzione saggistica di Marco Bettoni Pojaghi, i suoi fratelli sono attivi in ambito legale, o anche nel settore della traduzione giurata, della formazione linguistica di giornalisti e parlamentari, dell’insegnamento linguistico universitario o comunque specialistico del tedesco).

Il patrimonio scientifico e bibliografico del “Centro Studi Fondo Sammlung Bettoni Pojaghi”, è stato sancito nel 2010 da costituzione in biblioteca scientifica con atto notarile e statuto interno. Si compone ad oggi di un patrimonio di circa 8.500 volumi, tutti legati a proprietà privata e curati dalla passione, competenza e dedizione bibliofile dal Centro e dal suo staff.

La catalogazione sistematica del Fondo Bettoni Pojaghi all’interno del catalogo nazionale SBN – svolta in sinergia con l’ICCU Istituto Centrale per il Catalogo Unico diretto dalla dr.ssa Simonetta Buttò e anche nel formato catalografico interno del Centro Studi – è in corso.

dscn9445.jpg

 

Per ricerche specifiche in biblioteca o per la consultazione di singole opere (si veda Regolamento, si prega di mettersi in contatto con il Centro, inviando una mail con indicazione dettagliata del tipo di ricerca da svolgere a   centrostudi.roma@outlook.it (all’attenzione delle dr.ssa Mariagrazia Miano o Silvia Morini).

All’interno del Fondo è anche presente un archivio di documenti autentici legati sia alla storia della famiglia tra Vienna e Berlino, che alle relazioni diplomatiche italo-tedesche (in particolare per quel che concerne il periodo 1943-45 del secondo conflitto mondiale tale archivio è rappresentato da una serie di testimonianze/atti/lettere/mappe legati alla questione degli IMI (Internati Militari Italiani in Germania) e delle relazioni tra le autorità istituzionali italiane e tedesche di quel periodo). Un progetto di esposizione di tali materiali, o di una parte di essi, è in corso in sinergia con l’ANRP di Roma (Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia).

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...